Arsène Wenger conferma che Aaron Ramsey sta “lottando con il suo bicipite femorale”

Ramsey è uscito zoppicando dalla partita inaugurale della Premier League, la sconfitta casalinga per 4-3 contro il Liverpool il 14 agosto, e inizialmente si sperava che sarebbe uscito per circa tre settimane. Ma non è ancora stato in grado di allenarsi pienamente perché ha provato dolore ogni volta che si è preparato a farlo.

Il venticinquenne, che ha una storia di problemi al bicipite femorale, ha recitato per il Galles a Euro 2016 aveva detto che non si aspettava di essere in forma per l’inizio della nuova stagione.Chris Coleman, il manager del Galles, ha detto di essere sorpreso nel vedere Ramsey giocare contro il Liverpool e ha messo in dubbio che l’infortunio avrebbe potuto essere prevenuto.

Ramsey è destinato a perdere le prossime tre partite del suo club – contro il Chelsea, Il Basilea in Champions League e Burnley – e il manager dell’Arsenal non si aspetta che si unisca al Galles per le qualificazioni alla Coppa del Mondo contro Austria e Georgia il 6 e 9 ottobre. La prima partita dell’Arsenal dopo la pausa internazionale è in casa a Swansea City il 15 ottobre.Facebook Twitter Pinterest Wenger: Non ho intenzione di leggere il libro su José Mourinho

“Aaron sta ancora lottando con il suo bicipite femorale e non penso che sarà disponibile contro il Basilea o a Burnley così, prima la pausa, non sarà disponibile “, ha detto Wenger. “Abbiamo avuto alcune delusioni perché era prossimo a unirsi di nuovo e, ogni volta, non è completamente pronto. Non è lontano, ma dobbiamo essere cauti con lui.

“Ha un bicipite femorale di piccola taglia, ma non è completamente libero nella sua mente e non lo spinge mai completamente, quindi lo fermiamo ogni volta quando ha un po ‘di doloreÈ negli ultimi giorni della sua riabilitazione e, finché non è completamente a suo agio, non lo spingiamo. “

A Wenger è stato chiesto se la storia delle lesioni di Ramsey ha influenzato il modo in cui è stato gestito. “Non proprio, perché non è nulla di importante”, ha risposto Wenger. “Ma sono un po ‘più cauto di quanto lo sarei. Se fosse pronto a giocare, lo coinvolgerei in squadra, ma non lo è. Andrà via con il Galles? Io non la penso così. “